LAVORO, ANMIL: AZIENDE INADEMPIENTI IN TEMA SICUREZZA, NUOVO RAPPORTO

(9Colonne) Roma, 8 ago – Per contribuire a promuovere la prevenzione degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali l’Anmil ha realizzato il secondo “Rapporto sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro” che sarà presentato il 10 settembre, alle ore 10, a Roma, nella Sala del Parlamentino del Cnel. In linea di continuità con la prima edizione del Rapporto, l’opera analizza i principali interventi del legislatore, della giurisprudenza, della prassi amministrativa e del mondo dello studio e della ricerca in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Elemento distintivo della seconda edizione è la minuziosa analisi ricostruttiva delle origini, delle finalità e della struttura del Testo Unico di Salute e Sicurezza sul Lavoro e l’illustrazione dello stato dell’arte della sua attuazione, in occasione della celebrazione dei dieci anni dalla sua entrata in vigore. L’analisi è completata dallo studio dell’andamento degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali. “La la necessità di trovare soluzioni all’inadempienza delle aziende in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro – si legge in una nota – sono dimostrate sia dai dati Inail che da quelli riguardanti la vigilanza tecnica dell’Ispettorato Nazionale del primo semestre 2018, dai quali emerge che, tra il primo gennaio e il 30 giugno, l’82% delle violazioni è avvenuto in materia di sicurezza sul lavoro. Nell’ambito dell’attività ispettiva mirata alla prevenzione e al contrasto dell’illegalità nei rapporti di lavoro, proprio questi controlli hanno consentito di individuare complessivamente 77.222 lavoratori irregolari, di cui ben 20.398 lavoratori in nero”. Ai lavori di presentazione del Rapporto, coordinati dal direttore generale Anmil Sandro Giovannelli, parteciperanno Tiziano Treu – Presidente Cnel, Franco Bettoni – Presidente nazionale Anmil, Cesare Damiano – ministro del Lavoro tra il 2006 ed il 2008, Maurizio Sacconi – ministro del Lavoro tra il 2009 ed il 2011, Claudio Durigon, sottosegretario al Lavoro e allo Sviluppo economico, Angelo Colombini, segretario confederale Cisl, Franco Martini, segretario Nazionale Cgil, Silvana Roseto, segretaria confederale Uil, Pierangelo Albini, direttore dell’Area Lavoro e Welfare di Confindustria, Giuseppe Lucibello, direttore generale Inail. (red)