EDITORIA: SBLOCCARE OSTACOLI CASSA INTEGRAZIONE UNITA’

(DIRE) Roma, 27 nov. – La conferenza stampa di oggi dei lavoratori dell’Unita’ ha evidenziato due ordini di problemi: il primo e’ relativo al rischio che scompaia una testata storica che ha rappresentato, nel corso di quasi un secolo, le ragioni ideali della sinistra italiana; il secondo e’ il rischio della perdita di posti di lavoro e di professionalita’ indiscusse nel campo del giornalismo e delle attivita’ tipografiche”. Lo dice Cesare Damiano (Pd), presidente della Commissione Lavoro della Camera.    “Su quest’ultimo argomento- prosegue Damiano- occorre mettere in evidenza il fatto che i tipografi del giornale non ricevono la cassa integrazione a partire dal mese di aprile. Questa situazione mette in gravi difficolta’ le famiglie di questi lavoratori ed e’ inaccettabile il fatto che il problema non venga risolto rapidamente. Rivolgiamo quindi un appello al Governo e al Ministro del lavoro affinche’ si sblocchino gli eventuali ostacoli di natura burocratica che rallentano l’erogazione delle risorse della cassa integrazione per l’Unita’ e per molte altre situazioni di crisi. Se il governo ha scelto, giustamente, la strada della universalizzazione dei diritti e delle tutele in caso di disoccupazione per estenderle anche ai lavoratori precari, questa scelta sarebbe contraddetta se non si provvedesse a pagare da subito la cassa integrazione a chi ne ha diritto”.   (Com/Mar/ Dire 19:49 27-11-14 .


Legge di Stabilita’: mancano almeno 400 mln per ammortizzatori

(AGI) – Roma,  27 nov. – “La legge di stabilita’ varata dalla Commissione Bilancio presenta, purtroppo, ancora molti aspetti negativi per quanto riguarda i temi sociali e del lavoro”. Lo dichiara Cesare Damiano, presidente Commissione Lavoro della Camera.     “Tra questi – continua Damiano – vogliamo segnalare il mancato blocco dell’aumento della contribuzione previdenziale per le cosiddette partite Iva, per la maggior parte giovani lavoratori e lavoratrici autonomi, che avevamo ottenuto nelle due finanziarie precedenti. Inoltre, il passo avanti compiuto sugli ammortizzatori sociali che noi abbiamo chiesto con forza, con un aumento di risorse finanziarie pari a 200 milioni di euro, non esaurisce il problema”.     “Secondo i nostri calcoli – spiega Damiano – mancano all’appello almeno 400 milioni di euro, se si vuole che le risorse stanziate per gli ammortizzatori sociali per il 2015 siano realmente aggiuntive rispetto a quanto verra’ speso nel corso di quest’anno per la cassa integrazione in deroga”.     “Ci auguriamo che quello che non si e’ riusciti a fare alla Camera si possa fare al Senato”, conclude il presidente della Commissione Lavoro della Camera.(AGI) Mao 271437 NOV 14 .


LAVORO: “DA MINISTRO NON AVREI MAI SCRITTO UN TESTO COSÌ”

ROMA (ITALPRESS) – “La riforma e’ stata approvata e il Pd ha votato compattamente. Noi abbiamo lavorato in commissione in modo unitario. Certo, il testo ha moltissime contraddizioni. Fossi stato il ministro del Lavoro non avrei mai scritto un testo cosi’”. Cosi’ Cesare Damiano (Pd), presidente della commissione Lavoro della Camera, intervenuto a Coffee Break su La7. “A me non fa piacere che per i nuovi assunti, perche’ per chi e’ attualmente assunto a tempo indeterminato non cambia niente per quanto riguarda l’articolo 18, ci sia una oggettiva riduzione di tutela, perche’ le cose vanno dette per come stanno: non ci sara’ piu’ la reintegra nel caso di licenziamento di carattere economico. Io ho cercato di contenere i danni e credo di aver fatto un buon lavoro”, ha aggiunto. “Consiglio al mio presidente del Consiglio di abbassare i toni. L’attacco nei confronti della Cgil e’ sbagliato e dannoso. C’e’ un tessuto sociale che si sta rompendo, e meno male che c’e’ un sindacato che organizza le persone. Ognuno fa il suo mestiere. I sindacati fanno le contrattazioni, i politici le leggi. Quindi bisogna rispettare la mobilitazione sociale e non demonizzarla. Questo consiglio al premier – ha concluso – va dato perche’ su questo tema sta sbagliando”. (ITALPRESS). ads/com 27-Nov-14 11:45.




Jobs Act: nuovi incontri per contributo a decreti

(ANSA) – ROMA, 26 NOV – “L’incontro di oggi e’ stato utile e positivo, e abbiamo chiesto al ministro di fissare un calendario dei lavori che ci consenta di dare il nostro contributo alla scrittura dei decreti delegati”. Cosi’ il presidente della commissione Lavoro Cesare Damiano al termine dell’incontro con il ministro Poletti, spiegando che sui licenziamenti disciplinari che potranno beneficiare del reintegro e’ stato chiesto “un approfondimento” che verra’ fatto in prossimi incontri.    All’incontro, cui e’ stato presente anche il capogruppo Pd alla Camera Roberto Speranza, hanno partecipato i deputati Pd della commissione Lavoro.   Invece “sul controllo a distanza il ministro ha detto con chiarezza che non c’e’ nessuna intenzione da parte del governo di intervenire per controllare i lavoratori”. (ANSA).     KYI 26-NOV-14 15:24 NNNN