Def: Damiano, dare seguito a indicazioni su lavoro

(ANSA) – ROMA, 24 APR – “La Risoluzione di maggioranza sul Documento di Economia e Finanza del 2015 approvata ieri dalla Camera contiene alcune importanti indicazioni per il governo: rendere strutturali gli sgravi contributivi, previsti al momento per il solo 2015, per il contratto a tutele crescenti; provvedere al finanziamento a regime, e non solo in via sperimentale, dell’assegno di disoccupazione (Asdi) e dell’indennita’ per i collaboratori coordinati e continuativi (Dis-coll); introdurre un criterio di flessibilita’ per l’accesso al pensionamento”. Lo dichiara Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera. “Si tratta – spiega Damiano – di proposte molto impegnative alle quali il governo dovra’ dare un seguito concreto. Per quanto riguarda le misure riferite al Jobs Act, sara’ fondamentale assicurare gli incentivi per il contratto a tutele crescenti anche dopo il 2015. Infatti, come ha dichiarato il vicepresidente di Federmeccanica, Federico Visentin, sull’incremento delle assunzioni ‘ha funzionato soprattutto lo sgravio fiscale’. Su questa tesi siamo sempre stati d’accordo”. “Per quanto riguarda, invece, la flessibilita’ da introdurre nel sistema previdenziale, ci aspettiamo dal governo una risposta concreta nella prossima legge di Stabilita’: non possiamo attendere  altro tempo per correggere una “riforma” che ha creato diseguaglianze sociali, favorito la crescita dei nuovi poveri e, con il brusco innalzamento dell’eta’ pensionabile, ha anche reso piu’ difficile l’ingresso dei giovani nei luoghi di lavoro”, conclude Cesare Damiano.     (ANSA).
DEL 24-APR-15 14:38 NNNN



Jobs act: Damiano, piu’ lavoro stabile ma meno apprendistato

(ANSA) – ROMA, 23 APR – “I dati di marzo relativi alle comunicazioni obbligatorie del ministero del Lavoro indicano un saldo attivo di 92.000 occupati nella differenza tra assunzioni e cessazioni. Finalmente un primo dato attendibile che non si limita a comunicare soltanto il numero dei nuovi assunti come fatto in precedenza”. Lo dichiara Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera.    “Noi – prosegue Damiano – continuiamo a ritenere piu’ opportuno aspettare il consuntivo dell’Istat relativo all’andamento del mercato del lavoro I primo semestre dell’anno, per avere un quadro veritiero e non propagandistico della situazione, sapendo che il vero indicatore di buona occupazione e’ dato dal tasso di attivita’. E’ positivo l’aumento delle assunzioni a tempo indeterminato che salgono dal 17 al 25% del totale e segnaliamo, al tempo stesso, il calo delle assunzioni tramite l’apprendistato”.    “Noi ci auguriamo che il contratto a tutele crescenti, operativo dal 7 marzo scorso, di cui avremo i primi risultati nei prossimi mesi, abbia pieno successo e che il Governo si renda disponibile ai correttivi che saranno necessari per il suo migliore funzionamento: ad esempio, rendendo strutturali gli incentivi e garantendo 24 mesi di indennita’ di disoccupazione anche dopo il 2016″, conclude Cesare Damiano. (ANSA).
PH 23-APR-15 17:30 NNNN


Pensioni: Damiano a Boeri, ok trasparenza ma quanti sono esodati?

(AGI) – Roma, 23 apr. – “Io sono molto contento dalla trasparenza dell’Inps ma spero si risolva la famosa questione non risolta: quanti sono i cosiddetti lavoratori esodati?”. E’ quanto ha affermato il presidente della Commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, partecipando ad un panel di discussione nell’ambito del Forum Public Affairs 2015, a cui era presente anche il presidente dell’Inps Tito Boeri.     “Io sono molto contento che l’Inps cerchi di fornire ai cittadini previsioni” sulle pensioni, a osservato Damiano ricordando che la riforma Dini ha segnato “un cambiamento epocale con il passaggio dal sistema retributivo al quello contributivo che ha comportato un calcolo meno vantaggioso”. Tornando sulla questione degli esodati Damiano ha ricordato che i salvaguardati finora sono circa 180 mila ma c’e’ ancora poca chiarezza sull’intera platea da salvaguardare. “Visto che si riesce a prevedere quando si andra’ in pensione – ha aggiunto – questi 180 mila salvaguardati quando ci potranno andare? Spero che questa trasparenza ci aiuti a spendere meglio i soldi, l’obiettivo e’ mandare in pensione i cosiddetti nuovi poveri”. (AGI) Gio/Sfs 231228 APR 15 . NNNN



Def: Damiano, rendere strutturali gli sgravi

(ANSA) – ROMA, 22 APR – “La Commissione Lavoro della Camera ha approvato oggi la relazione dell’onorevole Cinzia Fontana sul Documento di Economia e Finanza del 2015″. Ne da’ notizia Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro.    “Le principali indicazioni – spiega Damiano – che si forniscono al Governo sono: rendere strutturali gli sgravi contributivi previsti, al momento per il solo 2015, per il contratto a tutele crescenti; provvedere al finanziamento a regime, e non solo in via sperimentale , dell’assegno di disoccupazione (ASDI) e dell’indennita’ per i collaboratori coordinati e continuativi (DIS-COLL)”.    “Infine – aggiunge il presidente della Commissione Lavoro – il parere della Commissione indica al Governo la necessita’ di completare la salvaguardia di tutti i lavoratori che si trovano senza reddito a causa del brusco innalzamento dell’eta’ pensionistica e di introdurre un elemento di flessibilita’ per l’accesso al pensionamento”.    “Si tratta di proposte che hanno come obiettivo quello di far funzionare il Jobs Act facendo corrispondere, alla diminuzione delle tutele nel posto di lavoro, un aumento delle protezioni sociali in caso di disoccupazione”, conclude Cesare Damiano. (ANSA).
PH 22-APR-15 16:13 NNNN