UN’AGENDA SOCIALE PER IL PD E IL GOVERNO

In primo piano

Presentiamo il documento per costruire un’Agenda Sociale per l’unità del Partito Democratico e per un’efficace azione di Governo, già pubblicato da L’Unità il 23 luglio. Si tratta di un insieme di proposte riformiste, realistiche e praticabili che abbiamo sviluppato con l’onorevole Marialuisa Gnecchi – capogruppo PD della Commissione Lavoro della Camera – e con i deputati del nostro Partito membri della Commissione stessa, in materia di lavoro, lotta alla povertà e pensioni.
Proponiamo, dunque, al PD e al Governo un’Agenda che favorisca la continuazione del dialogo con le parti sociali, facendo in modo che il Tavolo di confronto con i sindacati trovi una sua conclusione molto prima che si tenga il Referendum sulla legge costituzionale. Un’Agenda che rappresenti, di fronte al Paese, un PD unito e determinato per un’azione di Governo fondata sui princìpi dell’eguaglianza e della difesa dei più deboli, che rappresentano la base della nostra identità.
Potete consultare i punti del documento nelle slide qui sotto e scaricare il volantino con il testo integrale dal link più in basso.
 

 
Scarica il volantino in PDF




LAVORO: DAMIANO, “GOVERNO CHIARISCA TETTO VOUCHER AGRICOLTURA”

(ANSA) – ROMA, 25 SET – “Abbiamo avuto assicurazioni circa il mantenimento del tetto anche nel settore agricolo dai ministri Poletti e Martina e il testo del decreto correttivo conferma questo indirizzo”. Lo scrive sul suo profilo Facebook Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. “È ora di finirla – prosegue – con la ‘dittatura’ di chi fornisce interpretazioni, dati e statistiche, in molti casi contraddittori tra di loro e che, a consuntivo, si rivelano clamorosamente sbagliati: si veda il caso dei lavori usuranti, di Opzione Donna e della flessibilità previdenziale dei nati nel ’52”. “Questi errori di valutazione impediscono al Parlamento e ai Governi di poter fare buone leggi e, soprattutto, danneggiano i cittadini. Ci aspettiamo una tempestiva smentita da parte del Governo”, conclude. (ANSA).



LAVORO: DAMIANO, “APPREZZIAMO CORREZIONI SU VOUCHER”

(ANSA) – ROMA, 24 SET – “Il Decreto correttivo del Jobs Act, varato ieri dal Consiglio dei ministri, contiene alcune nuove disposizioni per quanto riguarda i voucher che vanno nella direzione da noi indicata. Viene introdotto un criterio di tracciabilità che prevede la comunicazione all’Ispettorato del Lavoro dei dati del lavoratore e della durata della attività 60 minuti prima dell’inizio della prestazione. Un passo avanti per combattere gli abusi”. Lo afferma Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. “Per il settore agricolo – spiega – non viene più abolito il tetto dei 2.000 euro netti annui per ciascun prestatore d’opera che il Governo aveva inizialmente previsto, considerato il fatto che in agricoltura il voucher può essere utilizzato soltanto da studenti e pensionati. Se il tetto fosse salito ai 7.000 euro netti annui, dal lavoro ‘occasionale’ saremmo passati ad un normale lavoro stagionale, in palese contrasto con la filosofia del lavoro accessorio. Una correzione che ha impedito nuovi abusi. Inoltre, sempre per quanto riguarda l’agricoltura, è stato anche corretto il termine di 7 giorni entro il quale il datore di lavoro poteva comunicare l’avvenuto inizio dell’attività”. “La differente normativa, rispetto agli altri settori – prosegue Damiano – sarebbe giustificata dalla imprevedibilità degli eventi atmosferici. La nostra richiesta di diminuire il periodo per la comunicazione è stata accolta e i giorni da 7 sono passati a un massimo di 3. Nel testo è anche previsto un attento monitoraggio sull’uso di questo strumento e, come ha detto Poletti, se dopo questi interventi la situazione non si normalizzerà, verranno fatti ‘interventi ancora più drastici’. Anche se una rondine non fa primavera, apprezziamo queste correzioni e queste dichiarazioni”, conclude. (ANSA).



PENSIONI: DAMIANO, “IL 27 AMPIA CONVERGENZA GOVERNO-SINDACATI”

(ANSA) – ROMA, 23 SET – “Mi auguro che l’incontro tra Governo e sindacati del 27 settembre si concluda con la più larga convergenza possibile e con un testo scritto: verbale, accordo, protocollo o dichiarazione che sia”. Lo dichiara Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera. “Si tratta di un punto indispensabile – prosegue – non solo perché ‘scripta manent’, ma perché senza un testo sarebbe impossibile una corretta trascrizione legislativa dei punti di accordo e crescerebbero i margini di arbitrio e le possibili interpretazioni”. “Sulla previdenza si stanno delineando alcuni risultati interessanti e alcune criticità. Queste ultime riguardano le penalizzazioni, fino al 7% all’anno, per chi non rientra nell’Ape Social, i lavoratori precoci (che non possono avere una soluzione simbolica) e gli esodati per i quali, con l’ottava salvaguardia, dobbiamo garantire una soluzione definitiva”, conclude. (ANSA).


PD, DAMIANO E GNECCHI: “PROPONIAMO AGENDA FONDATA SU EGUAGLIANZA E DIFESA PIÙ DEBOLI”

Roma, 22 SET – Si terrà il 26 settembre alle 16,30 nella sede nazionale del Pd in via sant’Andrea delle Fratte 16 l’incontro “Un’agenda sociale per l’Italia”, organizzato da alcuni deputati PD con l’intento di coinvolgere sui temi del lavoro, della lotta alla povertà e delle pensioni, tutto il Partito Democratico. “Nel mese di luglio abbiamo presentato il documento per costruire un’Agenda Sociale per l’unità del PD e per un’efficace azione di Governo. Si tratta di un insieme di proposte riformiste, realistiche e praticabili che abbiamo sviluppato con alcuni deputati”. Lo dichiarano Cesare Damiano e Maria Luisa Gnecchi, Presidente e Capogruppo della Commissione Lavoro alla Camera. “L’agenda sociale propone al PD e al Governo – proseguono – un’agenda che rappresenti, di fronte al Paese, un PD unito e determinato per un’azione di Governo fondata sui principi dell’eguaglianza e della difesa dei più deboli, che rappresentano la base della nostra identità”. Previsti gli interventi del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, del ministro per le politiche agricole, Maurizio Martina, del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Tommaso Nannicini insieme al Presidente Cesare Damiano e ai deputati dem Carlo Dell’Aringa, Maria Luisa Gnecchi, Donata Lenzi, Francesco Laforgia, Patrizia Maestri, Sandra Zampa e Marco Miccoli. (com/chi)