FASE 3: DAMIANO, “CIG FINO AL 31/12 O AUTUNNO DIFFICILE”

Roma, 24 giu. (Adnkronos) – ”La Cassa Integrazione va garantita fino al 31 dicembre, senza ‘buchi’ temporali. La scelta fatta dal premier Conte di garantire la possibilità di poter fruire delle 18 settimane di Cig in modo continuativo, non aspettando settembre per le ultime 4 settimane, è giusta, intelligente e opportuna, ma non risolve del tutto il problema.” Lo sottolinea Cesare Damiano del Pd. ”Infatti – continua – se un imprenditore ha cominciato a utilizzare la Cassa Integrazione dall’inizio di marzo, le 18 settimane si esauriscono all’inizio di luglio, mentre il blocco dei licenziamenti scade il 17 agosto. Questa asimmetria va colmata, perché è pericolosa, facendo durare la Cig e il blocco dei licenziamenti fino a fine anno, in perfetta sincronia. Il Governo, con il decreto Cura Italia e Rilancio ha stanziato 21 miliardi soltanto per la Cassa Integrazione: una cifra enorme che, purtroppo, non sarà sufficiente e che andrà rifinanziata.” “L’idea avanzata da Renzi di stornare le risorse dalla Cig agli incentivi per le assunzioni, è sbagliata e propagandistica. Le due risorse debbono camminare in parallelo: se manca la Cassa Integrazione ci saranno i licenziamenti o la chiusura delle attività, e non saranno certo gli incentivi a impedirlo.” “L’autunno sarà difficile e non vanno alimentate nuove tensioni sociali. Il miglior incentivo è la riduzione del cuneo fiscale che consente di migliorare le buste paga dei lavoratori senza gravare di nuovi costi i datori di lavoro”, conclude. (Mon/Adnkronos)


Rassegna stampa

Dai giornali del 24 giugno, l’intervista che ho rilasciato a Raffaele Ricciardi su La Repubblica online e, su La Gazzetta del Sud online, Economia Calabria, un articolo di Francesco Ranieri basato sui dati sulla Cassa Integrazione, nei primi 5 mesi dell’anno, elaborati dal Centro Studi Mercato del Lavoro e Contrattazione di Lavoro&Welfare.
 
“Damiano: I lavoratori in cassa hanno perso in media 2.500 euro. Ora proroga degli ammortizzatori a fine anno e taglio del cuneo”
 
 
“Coronavirus, la cassa integrazione ha “rubato” 58 milioni ai lavoratori calabresi”