“Sanità Complementare” La nuova rivista

In primo piano

La nuova Rivista online di Lavoro&Welfare realizzata dallo Studio Labores di Cesare Damiano e dallo Studio De Angelis Savelli & Associati.

In una rivista tutto quel che c’è da sapere sul nuovo orizzonte di evoluzione del welfare integrativo.
Articoli di: Damiano, De Angelis, Savelli, Cesari, Marè, Gigliotti, Germani, Patriossi, De Santis, Garzia, Houlis, Dettori, Sbarra, Proietti, Albini.
 
Vai alla rivista





MANOVRA: DAMIANO, “SU PATRIMONIALE NO PREGIUDIZI MA È MISURA SIMBOLICA”

Roma, 1 dic. (Adnkronos) – “Sulla patrimoniale non ho nessun pregiudizio. È una misura simbolica. Deve colpire molto in alto. E quindi butta pochi soldi. Simbolicamente può avere un suo significato. Ma oggi noi non abbiamo bisogno di simboli. Soprattutto guai a colpire il ceto medio che è stato la vittima degli ultimi trenta anni e sta scomparendo.” Questa le parole di Cesare Damiano, esponente del Pd e consigliere di amministrazione dell’Inail, ad Agorà Rai Tre, condotto da Luisella Costamagna, sull’ipotesi di patrimoniale. (Pol/Adnkronos)





COVID. DAMIANO: “MEDIA DECESSI NOVEMBRE +12,5% RISPETTO AD APRILE”

(DIRE) Roma, 28 nov. – “La settimana che va dal 22 al 28 novembre fa registrare una media di 729 decessi giornalieri, la più alta di sempre.” Lo dichiara Cesare Damiano, già ministro del Lavoro, a proposito dei dati elaborati dal centro studi Lavoro&Welfare, di cui e presidente. “Se si fa il calcolo – continua – dall’inizio di novembre fino al 28 dello stesso mese, la media giornaliera dei decessi è di 583, pari a un +12,5% rispetto al picco di aprile che fu di 518 decessi giornalieri. È da segnalare il fatto che, come per i contagi, anche la crescita dei decessi sta subendo un rallentamento. Mentre per i contagi segnaliamo un segno meno nella crescita da due settimane a questa parte (rispettivamente -2,5% e -22%% sulle settimane precedenti), per i decessi rimane ancora il segno ‘più’ nelle ultime tre settimane, seppure con una crescita rallentata (+48,1%, +26,5% e +11,4%).” “Sicuramente i dati relativi ai decessi sono molto elevati e andrebbero ulteriormente indagati poiché, come tasso di mortalità (decessi su popolazione), siamo i terzi in Europa dopo Belgio e Spagna e a pari merito con la Gran Bretagna e quinti nel mondo”, conclude. (Rai/ Dire