Rassegna stampa

Dai giornali di oggi: il mio articolo su Il Dubbio; su Il Tempo un pezzo di Pietro De Leo basato sul Report del Centro Studi Contrattazione e Mercato del Lavoro di Lavoro&Welfare dedicato all’uso della Cassa Integrazione Guadagni nei primi 10 mesi di quest’anno.
 
“Ambiente, industria e occupazione: tre tasselli da riordinare per salvare Ilva”
 
“Nel 2019 l’Italia ha perso 26 milioni di giorni di lavoro”
 
 
 
 




PENSIONI, DAMIANO: “SPESA REALE PENSIONI È 12%, DATI OCSE INESATTI”

(9Colonne) Roma, 28 nov – “L’Ocse continua ad utilizzare dati fasulli sulle pensioni.” Lo dichiara Cesare Damiano, dirigente del Partito Democratico, a proposito del Rapporto “Pensions at a Glance” pubblicato dall’Ocse. “Secondo l’organizzazione – spiega – la spesa pensionistica sarebbe il 16,2% del Prodotto interno lordo, la maggiore in Europa. Questo dato comprende, però, le spese per l’assistenza, che andrebbero scorporate, e contabilizza il costo delle pensioni al lordo. Facciamo un esempio: una pensione lorda mensile di 1.500 euro corrisponde a 1.150 netti, perché il lavoratore ne restituisce allo Stato 350. Se questo non viene considerato si va al 16%, altrimenti saremmo circa al 12%, perfettamente allineati con il resto dell’Europa.” “Sarebbe ora di chiarire questo problema per non fornire altri alibi a chi vorrebbe nuovamente attaccare le pensioni”, conclude. (red)


CONTRATTI: DAMIANO, “NON CI SONO SOLO LEADER E PIRATA BENE LA SCELTA DI CIFA E CONFSAL DI SCOMMETTERE SULLA QUALITÀ”

(ANSA) – ROMA, 27 NOV – “Bisogna uscire da una visione in cui ci sono solo i contratti buoni e i contratti cattivi, contratti leader e contratti pirata.” Lo afferma l’ex presidente della Commissione Lavoro della Camera ed ex ministro, Cesare Damiano, alla tavola rotonda organizzata dal Fonarcom al Forum Tuttolavoro “Nuovi modelli di rappresentatività in un mondo del lavoro che cambia”. Ci sono anche, spiega Damiano, “alcuni sindacati autonomi che puntano anch’essi alla qualità della contrattazione e al rispetto degli standard retributivi”. Anche per questo il giuslavorista ritiene che “non è detto che una legge sulla rappresentanza debba corrispondere all’accordo Cgil-Cisl-Uil-Confindustria”. Damiano ha contribuito a una ricerca, curata dai professori dell’Università di Verona Donata Gottardi e Marco Peruzzi che confronta i contratti nazionali Cifa-Confsal con i corrispettivi Cgil, Cisl e Uil e individua termini di comparazione non solo nell’aspetto retributivo ma anche della qualità degli istituti contrattuali. “Dalla ricerca- afferma Damiano nel suo contributo al libro ‘La terza via della contrattazione collettiva’ – si evince la lodevole scelta di Cifa e Confsal di scommettere sulla qualità e di riconoscere nei confronti dei contratti pirati il loro peggior nemico. Questa è la strada su cui proseguire.” (ANSA). Y19-CN 27-NOV-19 16:59



DAMIANO: “CON IDONEI POSSIBILE RISOLVERE PROBLEMA TURN-OVER”

(9Colonne) Roma, 26 nov – “Il mio pieno sostegno va al ministro Fabiana Dadone per quanto riguarda gli idonei: l’occasione ‘storica’ data dalla riapertura del turnover consente di risolvere definitivamente questo annoso problema.” Lo dichiara Cesare Damiano, dirigente del Partito Democratico, a proposito del post su Facebook della ministra Fabiana Dadone sulle assunzioni nella P.A. “Si tratta – spiega – di persone che hanno già sostenuto un concorso e che rappresentano una risorsa preziosa per la Pubblica Amministrazione. Il vantaggio è evidente: ci sono già le liste e non occorre, in questo caso, spendere soldi per nuovi concorsi. In questo modo possono arrivare subito i rinforzi necessari a una Pubblica amministrazione inefficiente anche a causa di una endemica carenza di organico.” “Inoltre, se le assunzioni previste nel prossimo triennio ammontano a quasi 500.000, c’è capienza per tutti: per esaurire le vecchie graduatorie e per immettere forze giovani attraverso nuovi concorsi. Direi: ‘Avanti tutta'”, conclude. (red)