PD: INCONTRO DI “PIAZZA GRANDE” PER RIMETTERE LAVORO AL CENTRO

(ANSA) – ROMA, 19 FEB – “Le stime diffuse dall’Istat su fatturato e ordinativi dell’industria italiana non possono non destare una reazione di allarme”. Lo ha detto Cesare Damiano, esponente della mozione Zingaretti, aprendo oggi a Roma, presso la sede nazionale del Pd, l’incontro di Piazza Grande Lavoro intitolato “Lavoro, pensioni, futuro”. “Secondo l’Istituto di statistica – ha ricordato Damiano – nel confronto tendenziale fra dicembre 2018 e dicembre 2017 il fatturato dell’industria è sceso del 7,3%, mentre gli ordinativi sono calati del 5,3%. Queste stime, dopo i dati relativi al calo del Pil, già verificatosi per due trimestri consecutivi, confermano la pesantezza della situazione economica del Paese. Una situazione che non viene minimamente contrastata dalle politiche perseguite dal Governo Lega-5 Stelle. Peggio: una situazione in cui diventa molto difficile impostare azioni volte a espandere, o quanto meno a sostenere, l’occupazione e a difendere il nostro welfare”.
Al dibattito seguito all’introduzione di Damiano hanno poi preso parte Giorgio Benvenuto (già Segretario generale della Uil), Claudio Di Berardino (Assessore al Lavoro della Regione Lazio), Marialuisa Gnecchi (già capogruppo Pd alla Commissione lavoro della Camera), Marco Miccoli (già Deputato Pd e membro della Commissione Lavoro della Camera). L’intervento conclusivo è stato di Pier Paolo Baretta, già segretario generale aggiunto della Cisl e sottosegretario all’Economia nei Governi Letta, Renzi e Gentiloni.
L’incontro è nell’ambito delle iniziative assunte da Piazza Grande, in vista delle Primarie Dem, a sostegno della candidatura di Nicola Zingaretti e ha come obiettivo quello di riportare il tema del lavoro al centro del dibattito nel Pd. (ANSA).